Coppa della Collina 2013

Vince fontana
image
Secondo Salviato  – Terzo mozzi

49 biondi media 7.77 entra al volo nei drive A nella prima gara di campionato italiano

53 Gualtieri
63 Cadoni
65 Bini

RISULTATI

Come già anticipato di persona, la collina 2013 è la perfetta macchina organizzativa che anno dopo anno ha limato qualsiasi problematica, presentando ai concorrenti una manifestazione perfetta sotto ogni punto di vista.

Il percorso, lo stesso da qualche anno, continua sempre a stupire non tanto per la navigazione ma per varietà delle strade percorse. Tempi sempre ben bilanciati e pochissima attesa nei passaggi.

Buona cosa aggiungere due prove nella zona industriale,  consiglierei di movimentare i controlli con qualche cartello giallo prima di una curva  abbandonando il pacchetto dei tubi a vista e chissà qualche variante anche nel percorso .. le strade non mancano.

Peccato per l’assenza del pubblico lungo le strade, una manifestazione del genere non deve passare inosservata.

Per il resto Brava l’organizzazione un grazie ad Angelo impareggiabile uomo jolly che lavora nell’ombra di una perfetta macchina organizzatrice…

Dimenticavo, non è la Collina se non ci sono le ciliegie alla premiazione ! grazie anche per questo abbiamo apprezzato lo sforzo. Grazie!!

” Ho partecipato a 11 edizioni della Coppa della Collina.
Da 4 o 5 anni il percorso è pressochè identico, e le prove quasi, ne sono solo state aggiunte un po’.
I rilevamenti sono praticamente tutti “a vista”.
Ci sarebbero tutti i presupposti per la noia.
E invece no.
Io alla Collina mi sono sempre divertito, l’ho sempre trovata diversa e da interpretare diversamente.
Apparentemente facile, appaga il piacere di guidare, ti tiene “sulla corda” con il suo ritmo giusto, con i suoi tempi calibrati.
La strada per arrivare a Badi, con il Lago di Suviana sotto di noi, farsi cullare dalle curve nel sottobosco di Prunetta, vedere pistoia dall’alto scendendo dal signorino, salire sulla “Collina”, teatro di epiche corse in salita………tutte emozioni irrinunciabili.
Complimenti ad Alfredo Lippi per aver saputo come sempre organizzare una gara di eccellenza, attento ai dettagli organizzativi, all’accoglienza, alla tecnica.
Commissari presenti in forze, preparatissimi, professionali, impeccabili.
Che dire? Null’altro che grazie per averci fatto divertire.
Complimenti all’Armando nazionale, 2,2 di media parla da solo, ma tanto “peso” degli ultimi risultati che stanno consacrando questo campione è da ascrivere anche a Giovanni Scarabelli, praticamente un impeccabile navigatore integrato con un “real time” umano, capace di tirare fuori il massimo che è già dentro al suo driver. Bravi, tutti e due.
Questa gara ha visto al debutto in una gara di CI due equipaggi toscani, venuti su dal campionato Granducato Challenge.
Sono particolarmente orgoglioso di questi equipaggi, Biondi-Grossi e Bacci-Bacci.
Sono anche contento perchè mi piace pensare che il nostro campionatino sta realmente fungendo da “allevamento” per giovani regolaristi del futuro, come era nell’auspicio di coloro che lo hanno concepito.
Stanno nascendo moltoi nuovi equipaggi, e alcuni di loro si stanno appassionando realmente, mi hanno chiesto consigli e li sento, regolaristicamente parlando, un po’ figli miei.
Biondi ha concluso a 7,7 di media entrando negli “A” al primo colpo, Bacci a 10,23 non centrando questo duplice obiettivo per poco.
BRAVI.
Sono più contento per il loro risultato che per il mio, un ignavo 19° posto.
Non rimprovero nulla al Ricci driver, autore di buoni passaggi, ma il Ricci sdoppiatore lascia un po’ a desiderare, e il “duo” non va oltre il 4,2 di media.
Un po’ di rammarico per il Trofeo Carlo Chiti, messo in palio per il miglior risultato sulle 4 prove sul passo della Collina, al quale tenevo molto e che ho fortemente tentato di ottenere.
Due anni fa il grande Ugo Menichetti lo vinse con la discriminate dell’anzianità della vettura, avevamo ottenuto lo stesso numero di penalità (mi pare di ricordare 12).
Al cartello giallo in cima alla Collina non nego di aver pensato a Ugo : ” e dai inox….intercedi dall’alto….guidami in queste 4 prove e facciamo un trofeo per uno….”
Il grande Ugo ce l’ha messa tutta, credo…..faccio due zeri e un due……purtroppo nella prova da 4 secondi butto l’occhio sullo strumento per essere sicuro di contare bene e perdo un pò la concentrazione, arrivando in ridardo: +7.
Vabbè….7 + 2 sono 9 penalità in 4 prove, forse ce la posso fare.
In vece no, Mozzi ha fatto 8 penalità….mai una gioia.
Grazie lo stesso Ugo, è sempre bello pensarti, e ogni volta che sono in gara mi capita di farlo….”

R.Ricci

image
image

26 pensieri su “Coppa della Collina 2013

  1. Grazie a tutti per i commenti positivi che avete fatto sulla Coppa Collina, sicuramente e’ la gratificazione piu’ importante che ripaga tutto l’impegno ed il grande lavoro di tutti per rendere questa gara all’altezza della sua importanza. Ogni anno, ad un certo punto, diciamo che questa e’ l’ultima edizione, tanta e la stanchezza che prende il sopravvento, poi visti i risultati e la partecipazione numerosa cominciamo subito a riparlare della edizione dell’anno successivo. Il merito di ciò va ricondotto al vostro entusiasmo, al vedere equipaggi “giovani” che si avvicinano sempre piu’ spesso a questa “sana” disciplina automobilistica e’ questo lo stimolo migliore per noi a continuare a lavorare per il divertimento di tutti.
    Nel darvi appuntamento alla quindicesima edizione rinnovo un grazie a tutti voi. a.lippi

    "Mi piace"

    • Grazie a te Alfredo, per il lavoro che fai.,,,
      Una cosa però: l’anno prossimo prevedi almeno un pezzo del prossimo gadget di abbigliamento griffato “Coppa della Collina” nella taglia XXXL……ho tutto il guardaroba degli ultimi anni e non ho mai potuto sfoggiarlo…..
      L’alternativa è solo dimagrire, ma è una possibilità così triste…..
      🙂

      "Mi piace"

    • Ho la soluzione Roberto. .dal prossimo anno basta abbigliamento. . Un orologio commemorativo?

      "Mi piace"

  2. Per me era la prima volta alla Coppa della Collina, lo scorso anno sembrava una gara irraggiungibile, poi quest’anno ci abbiamo provato!! Non difficile come prove, in quanto tutti i tubi erano a vista e molti ‘calci di rigore’, però impegnativa dal punto di vista dei km e delle ore di gara, anche se allietata da panorami fantastici come Pistoia dall’alto, il lago di Suviana e scorci della montagna Pistoiese. E’ stata una bella sensazione fare una gara di Campionato Italiano, considerando poi l’obiettivo prefissato e raggiunto, e i driver con cui ci dovevamo confrontare… Un grazie a tutti coloro che ci hanno fatto i complimenti…sono contenta per questo esordio. Mi sto appassionando sempre di più alle gare di regolarità, merito dei nostri risultati, della voglia di fare sempre meglio, ma soprattutto merito del gruppo Crono Prato e delle persone fantastiche che ogni volta incontro e conosco.
    Grazie ad Alfredo che è riuscito davvero ad essere impeccabile e perfetto nell’organizzazione di questa bella manifestazione!!!

    "Mi piace"

  3. Per me era la prima Coppa della Collina. Ho navigato Enio Biasci e … ci siamo divertiti come matti entrambi. Grazie a tutti: gli organizzatori, gli amici, gli altri partecipanti. E poi splendide automobili per alcune delle quali ricordo di esserci salito bambino (ad esempio la 1500 FIAT).

    "Mi piace"

  4. Ottima organizzazione sotto tutti i punti di vista, tempi tirati a puntino, presidio dei tubi eccezionale, persone preparate , cronometraggio all’altezza della gara. Complimenti a Lippi e ai suoi collaboratori.
    Come tutti gli anni la collina attira i migliori driver italiani. Che dire ……i primi 26 in classifica sotto i 5 centesimi, poi altri 20 sotto i 10 e poi ……piano piano arriviamo noi con la nostra vecchietta TR3 raggiungendo 13 di media . CHE FATICACCIA !!!!
    Mauro

    "Mi piace"

  5. Ringrazio tutti per i complimenti in particolare a Roberto Ricci che ci ha insegnato il metodo di allenamento. Una gara molto bella ed impegnativa ci ha messo alla prova, ne siamo usciti bene centrando l’obiettivo che ci eravamo prefissi in partenza.
    Bravo Stanzione che è riuscito a fare un 7,3 di media alla prima esperienza alla coppa della Collina.
    Devo condividere il merito del risultato con la mia fida navigatrice Silvia, senza di lei non avrei potuto ottenere questo risultato.

    "Mi piace"

  6. Prima esperienza anche per me in una gara titolata e devo dire che è andata benissimo! Alla fine non ci siamo persi e abbiamo chiuso con 7,3 di media…non facendoci mancare qualche svarione!
    Bella gara, non complessa ma ben ritmata. Strade di casa per me, chilometri macinati regolarmente durante l’anno, ma che hanno assunto durante la gara di ieri differenti sembianze; percorrerle ha avuto un “sapore” diverso, un’esperienza indimenticabile, bellissimo!
    Organizzazione impeccabile, solo alla prova del centro abitato di Badi, oltretutto in un punto molto stretto, un commissario di percorso ha fatto cenno ad una macchina di transitare quando ero a 15″ dal mio ingresso, solo che invece di tenersi a sx, si stava infilando sul tubo…picchia e mena chi dice fermo, chi dice vieni, la panda parte…io intanto parto, la panda mi sfila a 3-4 cm con l’intento di entrare sulla corsia di dx, con la coda dell’occhio la vedo entrare nello sportello, è fatta dico tra me per non distrarre il mio naviga…quando a pochi metri dal tubo mi balza davanti un commissario che era sulla destra…e che faccio ora o mi fermo o lo metto sotto! In un attimo ferma l’auto e si defila. Passo regolare, ma che rischi per tutti!

    "Mi piace"

  7. Bravissimi tutti, “debuttanti” e non… vi siete fatti onore in un palcoscenico davvero di prima qualità!!!! Qualcuno mi spiega il foglietto verifica tempi di Giovanni? Ihihihihi!!! :-))))

    "Mi piace"

    • E’ stato ritrovato su un tavolo abbandonato.. e prontamente fotografato dai zuzzerelloni in campo… 😀

      "Mi piace"

  8. Per prima cosa inizio con il ringraziare Roberto per i complimenti che fanno sempre piacere e fanno venire sempre piu’ voglia di migliorare , per quanto riguarda la mia gara devo dire nella prima parte , ovvero i piazzali di pistoia , sono stato preso un po’ dall’emozione che porta a partecipare ad una gara come questa e ho sbagliato piu’ a sdoppiare che nel passare sul tubo , dopo via via la tensione si e’ allentata e sono riuscito a migliorare i miei passaggi.
    Il mio obbiettivo era arrivare in fondo e fare esperienza e devo dire che ci sono riuscito , la gara e’ stata ben organizzata tubi ben presidiati dai commissari e tempi veramente ben cadenzati sicuramente un’esperienza da ripetere nel futuro.

    "Mi piace"

  9. Ho partecipato a 11 edizioni della Coppa della Collina.
    Da 4 o 5 anni il percorso è pressochè identico, e le prove quasi, ne sono solo state aggiunte un po’.
    I rilevamenti sono praticamente tutti “a vista”.
    Ci sarebbero tutti i presupposti per la noia.
    E invece no.
    Io alla Collina mi sono sempre divertito, l’ho sempre trovata diversa e da interpretare diversamente.
    Apparentemente facile, appaga il piacere di guidare, ti tiene “sulla corda” con il suo ritmo giusto, con i suoi tempi calibrati.
    La strada per arrivare a Badi, con il Lago di Suviana sotto di noi, farsi cullare dalle curve nel sottobosco di Prunetta, vedere pistoia dall’alto scendendo dal signorino, salire sulla “Collina”, teatro di epiche corse in salita………tutte emozioni irrinunciabili.
    Complimenti ad Alfredo Lippi per aver saputo come sempre organizzare una gara di eccellenza, attento ai dettagli organizzativi, all’accoglienza, alla tecnica.
    Commissari presenti in forze, preparatissimi, professionali, impeccabili.
    Che dire? Null’altro che grazie per averci fatto divertire.
    Complimenti all’Armando nazionale, 2,2 di media parla da solo, ma tanto “peso” degli ultimi risultati che stanno consacrando questo campione è da ascrivere anche a Giovanni Scarabelli, praticamente un impeccabile navigatore integrato con un “real time” umano, capace di tirare fuori il massimo che è già dentro al suo driver. Bravi, tutti e due.
    Questa gara ha visto al debutto in una gara di CI due equipaggi toscani, venuti su dal campionato Granducato Challenge.
    Sono particolarmente orgoglioso di questi equipaggi, Biondi-Grossi e Bacci-Bacci.
    Sono anche contento perchè mi piace pensare che il nostro campionatino sta realmente fungendo da “allevamento” per giovani regolaristi del futuro, come era nell’auspicio di coloro che lo hanno concepito.
    Stanno nascendo moltoi nuovi equipaggi, e alcuni di loro si stanno appassionando realmente, mi hanno chiesto consigli e li sento, regolaristicamente parlando, un po’ figli miei.
    Biondi ha concluso a 7,7 di media entrando negli “A” al primo colpo, Bacci a 10,23 non centrando questo duplice obiettivo per poco.
    BRAVI.
    Sono più contento per il loro risultato che per il mio, un ignavo 19° posto.
    Non rimprovero nulla al Ricci driver, autore di buoni passaggi, ma il Ricci sdoppiatore lascia un po’ a desiderare, e il “duo” non va oltre il 4,2 di media.
    Un po’ di rammarico per il Trofeo Carlo Chiti, messo in palio per il miglior risultato sulle 4 prove sul passo della Collina, al quale tenevo molto e che ho fortemente tentato di ottenere.
    Due anni fa il grande Ugo Menichetti lo vinse con la discriminate dell’anzianità della vettura, avevamo ottenuto lo stesso numero di penalità (mi pare di ricordare 12).
    Al cartello giallo in cima alla Collina non nego di aver pensato a Ugo : ” e dai inox….intercedi dall’alto….guidami in queste 4 prove e facciamo un trofeo per uno….”
    Il grande Ugo ce l’ha messa tutta, credo…..faccio due zeri e un due……purtroppo nella prova da 4 secondi butto l’occhio sullo strumento per essere sicuro di contare bene e perdo un pò la concentrazione, arrivando in ridardo: +7.
    Vabbè….7 + 2 sono 9 penalità in 4 prove, forse ce la posso fare.
    In vece no, Mozzi ha fatto 8 penalità….mai una gioia.
    Grazie lo stesso Ugo, è sempre bello pensarti, e ogni volta che sono in gara mi capita di farlo….

    "Mi piace"

  10. noi ci siamo divertiti e parecchio anche!!!!!…………..la sensazione provata a star seduti li dentro è stata a dir poco emozionante! e poi un equipaggio più bello, ma dove lo trovate!

    "Mi piace"

  11. Marco mi dispiace ci mancava anche la tua Fulvia incidentata .
    Sta diventando uno stilicidio di Fulvie…a Siena un altro con una Montecarlo come la mia ha avuto un frontale durante la Mille Miglia e la completamente distrutta !!
    Quindi in emergenza ti hanno fatto partire anche con una auto non omologata ASI ?

    "Mi piace"

    • Nelle gare CSAI titolate si parte solo se hai tutto in regola, non esiste pietà per le emergenze.
      La A112 Abarth bianca di Marco Montanelli è omologata ASI al primo livello già da molti anni.

      "Mi piace"

  12. Come sempre bella gara , divertente , passaggi non difficili ma impegnativi . Noi ci siamo voluti mettere alla prova con la TR3 ed è andata meglio di quello che ci aspettavamo. Non ci è mancato niente dal sole , al freddo , alla pioggia , alle strade dissestate però ci siamo divertiti perchè con quelle auto è sempre un incognita, non sai mai cosa ti aspetta .
    Rinnovo i complimenti a Biondi – Grossi che hanno raggiunto un meritato 49° posto in classifica. Braviiiiiiii!!!!
    Enrica

    "Mi piace"

  13. Mi dispiace molto per Marco ed Arianna ….
    Rinnovo qui i miei complimenti per la prestazione di Andrea Biondi che ormai è una certezza assoluta.
    Bravi tutti, perchè quest’anno alla Coppa della Collina c’erano tanti nomi di spicco ed il livello era di eccellenza.

    "Mi piace"

    • Ciao Marco,
      purtroppo abbiamo avuto un fine settimana a dir poco sfigato, venerdì un ottantenne ha pensato bene di non frenare ad un attraversamento pedonale e mi ha distrutto tutto il posteriore della Fulvia, cambio macchina, mi ammettono col 112 bianco che è ASI, inizio tutto bene poi Arianna non ha retto l’impegno emotivo (era la prima gara impegnativa concatenata che faceva) e ad un certo punto non riusciva più a leggere in modo compiuto il Road-Book.
      Inutile continuare, telefonata al direttore di gara e siamo rientrati a Roma.

      "Mi piace"

  14. Grazie Marco per l’incoraggiamento mi ci voleva proprio , comunque l’importante e’ andare e divertirsi in compagnia di persone che amano questo sport e come ho detto prima basta evitare figuracce tipo perdersi.
    Per partecipare ci vuole la licenza da regolarita’ csai e l’auto con fiche csai o FIA oppure omolata asi.

    "Mi piace"

    • Grande Alessio,bravi,così si fa! Ma cosa occorre: licenza regolarità ? E per la macchina? Per curiosità tanto io non vado.

      "Mi piace"

    • Non si va alle gare solo per vincere o tentare il podio…….come fa qualcuno che conosciamo bene…..si fa come te o come me quando nel 2011 andai a San Marino e arrivai ultimo con un parco partenti da Mille Miglia. Bravi.

      "Mi piace"

  15. 20 giorni alla classica Toscana, unica gara titolata rimasta in regione.
    Chi parteciperà?
    Intanto oggi è stato pubblicato anche il road book

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...