13° Grand Tour delle Terme e dei Fiori

 

Gara tecnica e ben ritmata, ottima accoglienza con il servizio di cronometraggio affidato al crono ligure che ha dato sicurezza e professionalità alla manifestazione.

All’arrivo sul gradino piu’ alto l’equipaggio Gibertini – Sighinolfi  al secondo posto Fanti – Biagi terzo posto Perri – Magnani

La manifestazione ha perso molto nella parte ristorazione affidandosi a un Buffet molto approssimativo e poco organizzato,  favorendo la parte agonistica cogliendo nel segno.

Nella Classifica di Scuderia davanti alla Kinzica  si sono piazzati i pratesi del Crono Prato.

Complimenti a Cesare e al suo Staff, un grazie a Valerio per la sua pazienza.. alla prossima.

Riepilogo Penalità
Classifica Storiche e Moderne
Classifica Classic e Special valida per 11° Trofeo KCC
Classifica Assoluta valida per 5° Granducato Challenge

Alcuni di Voi mi stanno richiedendo le foto dell’ evento, tra qualche giorno sarà pubblicata una carrellata sul  sito www.kursaalcarclub.it, chi desidera averla dovrà mettersi in contatto con Francesco Ricci 348 3030716.

34 pensieri su “13° Grand Tour delle Terme e dei Fiori

  1. Come tutte le cose ci si può sempre migliorare e in questo senso il vivace dibattito è quanto di meglio si possa sperare. E’ vero: basta partecipare e non avere problemi meccanici ed aver dato il meglio e tutto ciò è gratigìficante,basta aggiungere un piccolo pezzo di plastica o di latta a forma di medaglia con il logo per tutti ( fino all’ultimo) e si fa la quadratura del cerchio; per quanto riguarda il pranzo o la cena: chi mi conosce sa quanto ami la tavola ma a Montecatini sarei andato col mio naviga a pranzo altrove magari spendendo di più (ed evitando la quota pranzo) se solo avessimo immaginato come sarebbe stato. Altre volte è andata molto meglio . Sperimo nelle prossime manifestazioni di poter collimare tutte le esigenze di tutti o quasi.

    "Mi piace"

  2. Non voglio banalizzare tutte le considerazioni sulle gare enfatizzando l’argomento pranzi ma visto che se ne parla dico la mia. Il fatto che l’ospitality sia facoltativa rimane teorica qundo per le premiazioni c’é da aspettare almeno una ora. Cosa si dovrebbe fare dopo l’arrivo, mangiare un panino in auto e farsi vedere nel ristorante solo per le premiazioni? E’ chiaro che viene naturale terminare la gara, poi pranzare, poi seguire le premiazioni e quindi prendere la via del ritorno.
    Infine non mi puó sfuggire che per la prossima gara il prezzo del pranzo è lievitato; per quel che mi riguarda se anche non ci fosse l’antipasto o l’astice o l’aragosta non avrei alcuna rimostranza; lo sfizio del cacciucco ce lo togliamo il sabato sera.
    A parte questo, buon divertimento ed a presto con la prossima gara

    "Mi piace"

  3. La quota “ospitalità” (il pranzo) nelle nostre gare è separata, appunto per ovviare a questo aspetto che da qualche tempo si era reso sempre più necessario.
    Le nostre gare iscritte al Challenge hanno una tassa di iscrizione di 100 euro, che è quella tabellata CSAI, e comprende tutto ciò che ha descritto Marco nell’intervento precedente. Non è poco, e infatti per non rimetterci è necessario avere almeno 50 macchine.
    La quota per il buffet è al di fuori di questi conteggi, e viene “girata” interamente sul concorrente, secondo quanto si è riusciti a concordare con i ristoratori.
    Io penso che di più non si possa fare.
    Marco, nelle gare le classifiche dei driver nelle gare prevedavano 3 medagliette, non penso possano incidere nel bilancio, io mi riferivo principalmente a prevedere delle classifiche driver per il campionato e la premiazione finale.
    Da studiare.

    "Mi piace"

  4. Per la maggioranza mangiare e’ una cosa sacra ( non certo per me), guai se gli levi il pranzo o la cena;credo che purtroppo la tua proposta verra’ cassata sicuramente.
    Comunque Roberto c’e’ anche da dire che la quota ospitalita’ e’ sempre facoltativa ed alcuni a volte ci rinunciano.( io spesso quando devo partire in anticipo come domenica scorsa)

    "Mi piace"

    • È facoltativa ma poi tt stanno a pranzo o cena … io propongo una gara senza mangiare … e poi vediamo cosa accade… tipo coppa dello zoccolo … 🙂

      "Mi piace"

  5. Io parlo come organizzatore del Chanti Classic che ogni anno deve pensare a come far quadrare i conti basandosi solo sul numero di iscrizioni alla gara e poco piu’. Con le quote di iscrizione alla manifestazione, moltiplicate per il numero di concorrenti ci sono una miriade di cose da pagare ( CSAI, Crono, Premi, Ristorante, Commissari, pratiche burocratiche,Assicurazione, pubblicita’ sui media, buoni premio per l’anno successivo, numeri gara, roadbook, pacchi gara e tanto altro ) ed arrivare a non rimetterci e’ sempre un miracolo. Se poi mi dite che per il prox anno dovremo provvedere ad ulteriori premi per gratificare non solo i primi classificati dell’assoluto e dei vari raggruppamenti ma anche quelli dei vari livelli di rating, allora si rendera’ necessario aumentare giocoforza la quota di iscrizione. Mi domando, quanti saranno quelli disposti a pagare senza mugugni i 15 o 20 euro in + ?

    "Mi piace"

    • Salve, lasciamo perdere la mia prestazione, sara’ la nuova macchina, sara’ che avevo la testa da un’altra parte ( il 17 mi e’ nata una splendida bimba) comunque parlo da ex organizzatore, mi chiedo se non sia l’ora di eliminare sti cavolo di pranzi, alzano le spese in maniera notevole ed ogni volta costringono gli organizzatori a mirabolanti trattative e salti mortali per far quadrare i bilanci. Negli anni ottanta, far parte di una scuderia, voleva anche dire che a fine gara cera qualcuno che organizzava e prenotava il pranzo, o semplicemente portava i panini per tutti, le premiazioni erano ad una certa ora e tutti ci si trovava li. Non sarebbe il caso di staccare le nostre gare da questo cordone ombelicale che ci lega ai raduni? Niente pranzo vuol dire circa 40 o 50 euro in meno sulla tassa di iscrizioni, e tanta polemica in meno, meditate gente, meditate…

      "Mi piace"

  6. Il riconoscimento per noi smarzi (mi ci metto io per primo come pilota) è tornare a casa senza perdersi e esser riusciti a mangiare, in secondo luogo riuscire a passare sui tubi il meglio possibile questo è stato l’obiettivo che mi son prefissato dalla prima gara.
    In verità è tornare a casa con la soddisfazione di aver passato una bella giornata, con un gruppo di amici con cui condividere una passione, aver portato a spasso la macchina che non posso usare tutti i giorni.
    Condivido con Marco Monciatti che anche gli “smarzi” devono avere un riconoscimento; il riconoscimento per me è svolgere la gara, non avere problemi organizzativi, ovvero senza impedimenti, in modo che le colpe degli errori siano esclusivamente mie e non di altri, così sono in grado di misurarmi e valutarmi; è gradito che ci sia un pasto decoroso (anche semplice ma abbondante, caldo e ben fatto) con un bicchiere di vino per rifocillarci. E’ apprezzata una premiazione/ricordo, che sia poi consegnata la medaglia, la coppa, il salmino o meglio una bottiglia di vino con l’etichetta della gara tutto è ben accetto. Occorre tener conto che un riconoscimento è gradito a tutti, dal primo all’ultimo arrivato, soprattutto gli ultimi che si sentono incoraggiati a continuare e non solo a spendere. Le coppe per i primi contano fino a un certo punto, quel che conta alla fine sono solo le classifiche; gli organizzatori devono tener anche presente che i premi congiunti son difficili da spartire tra pilota e navigatore e molti di noi spesso sostengono le spese a mezzo con il pilota, proprio per la passione di stare in macchina assieme e gareggiare in base alle proprie capacità.
    Il nostro è un gioco di coppia e la coppia deve essere affiatata per arrivare ai risultati.
    Tanti Top driver che fanno da se o che si affidano a navigatori improvvisati ne hanno spesso pagato le conseguenze a caro prezzo.
    Un Pilota senza un bravo navigatore va poco lontano…. quasi quanto un navigatore senza pilota !!

    "Mi piace"

  7. Avete detto tutti parole sensate ed espresso concetti coerenti,dalle difficoltà organizzative (cosa che io non ho mai fatto),a quelle logistiche del buffet o pranzo o cena che sia (che sono molto legate anche al costo di iscrizione che si riesce a spuntare), alla difficoltà di mantenere una costanza nei risultati e anzi semmai tendere al miglioramento (senza allenarsi e dedicarsi veramente tanto non si va molto lontano come dimostra la discontinuità dei miei tempi). Siamo tutti in accordo top e driver scarsi o mediocri che la passione che ci unisce debba fare da filo conduttore nel preparare,organizzare,allenarsi e produrre performance più vicino possibile ai nostri desideri. Quello che manca spesso è la gratificazione anche dei meno performanti visto che negli ultimi tempi, anche con l’arrivo di amici da altre regioni ma non solo, il livello dei primi è esageratamente migliorato e nell’alta classifica ci sono sempre 10 equipaggi con medie bassissime,per me ed altri irraggiungibili. Ciò che auspicherei in futuro è solo un pò di considerazione anche per chi si piazza dopo e paga come gli altri. Preciso comunque che è molto gratificante solamente esserci a certe manifestazioni come Montecatini,Livorno,Pisa,Siena,Casciana Terme o Piombino, etc.

    "Mi piace"

    • A tal proposito nel Trofeo Torri e Motori è stato preso in considerazione tale questione facendo una classifica che tiene conto del livello dei driver

      "Mi piace"

    • E’ una buona idea, peraltro non nuova (c’era anche al “Profumi e Sapori”), ma è relativa solo al rating CSAI, e nelle gare toscane chi compare nel rating sono 10 driver al massimo e non accontenterebbe comunque nessuno.
      L’anno prossimo la metteremo nel Challenge, ma utilizzando il rating GC, rendendo ancora più utile la fatica di Giuseppe nel compilare queste classifiche e allargando a TUTTI la competizione per livello.

      "Mi piace"

  8. ciao Paolo,quando ho scritto dell’organizzazione della gara non era riferito a te in senso diretto, ci mancherebbe..ma era una frase generica per far capire che purtroppo le difficolta’ sono tante,troppe teste da mettere d’accordo e burocrazia..le prossime gare vedremo di togliere il piu’ possibile i noiosi tempi di attesa e fare il percorso meno scontato… per quanto riguarda il pranzo siamo rimasti delusi per primi, ma purtroppo e’ andata cosi’ e sicuramente dalla prossima volta torneremo negli standard di qualita’ che ha sempre contraddistinto l’organizzazione della kursaal

    "Mi piace"

  9. Carissimi Francesco e Marco,lungi da me criticare in qualsiasi maniera il vostro operato,so benissimo cosa vuol dire organizzare una manifestazione,nel mio piccolo ho gia fatto qualcosa per il nostro club…… e mi sono scontrato con vari problemi,dal comune alla CSAI etc…..
    Pero visto il mio viaggiare di continuo trA una gara e l’altra in varie regioni d’Italia un po’ di esperienza lo fatta e debbo dire che le vs. gare stanno migliorando sempre piu….”.
    In conclusione non accetto,caro Francesco, che tu mi dica Dovrebbe provare ad organizzare una gara etc…..
    Partiamo dal presupposto che tu possa senza dubbio fare il massimo per la tua gara,ma comunque penso che sia stata una tua libera scelta,e non un obbligo imposto da qualcuno,quindi sono tuoi,gli onori ma anche gli oneri.
    Io solo detto,riguardo la gara che il giro fatto per allungare i tempo era noioso, devi stare nel comune,bene la prossima volta il Secondo giro si fa alla rovescia……che dici.
    Per quanto riguarda il pranzo,sembrava di essere alla mensa della scuola,semplicemente ridicolo e condotto da persone cafone,con le quali non ho litigato per rispetto agli organizzatori…….
    Marco sai benissimo quanto ti stimo per quello che fai,ma quando passi da un costo di 70/80 euro a 140 permetti che qualcosa in piu si debba pretendere??.
    Guarda che per pari importo altre gare sono senza dubbio migliori e non hanno sponsor neanche loro.
    Di questo passo ci sarà una selezione naturale,dove chi offre di piu e meglio a minor costo sarà avvantaggiato con il numero di equipaggi presenti ,e gli altri smetteranno di organizzare.
    Questa e solo una mia precisazione,e non vuole assolutamente essere un rimprovero verso di voi,anche perche sono abituato a rispondere con i fatti…. E i fatti sono che il Crono si e presentato con 8 equipaggi e ne ha portati altri 3 da fuori regione,circa il 22% degli iscritti.
    Probabilmente non ho esperienza nell’organizzazione delle gare ma mi impegno molto per portare gli equipaggi e promuovere le gare del nostro territorio.
    Ciao saluti e auguri a tutti
    Paolo.

    "Mi piace"

  10. Faccio parte del gruppo che organizza la Rondina e concordo pienamente con Francesco. Sarebbe bello organizzare gare con 30 controlli, singoli, e tutti in linea; ma provate a vedere quanti sono i problemi da affrontare e, soprattutto, a far tornare i conti senza, o quasi, sponsor e con una media di 45 equipaggi ai quali non puoi chiedere, per ovvi e giusti motivi, 200 o 300 € di iscrizione

    "Mi piace"

  11. rispondo a Paolo, i tempi di percorrenza dei tratti piu’ lunghi,li ho dati di proposito piu’ abbondanti,perche’ non essendoci riordini o break vari,se un equipaggio voleva fermarsi per una sosta ad un bar per ovvi motivi ,poteva farlo tranquillamente, se potevo il secondo giro lo facevo diverso,pero’ quando per motivi vari e permessi vari si deve restare in un comune non sempre e’ facile variare, una volta ,ognuno, dovrebbe provare a organizzare una gara e allora si renderebbe conto di quante cose di quante idee ci sono, ma poi in effetti poche diventano concrete per volere di altri, cmq cercheremo sempre di migliorarci facendo tesoro delle vostre indicazioni,grazie

    "Mi piace"

  12. Daniele fondamentalmente hai ragione, nel complesso non siamo ancora all’altezza dei driver nordici . Inoltre le prove difficili come quelle del GT dovrebbero far vedere la vera capacita’ di passaggio sui tubi.Io cerco sempre di allenarmi in base al tipo di gara che andro’ ad affrontare e i giorni precedenti l’avevo fatto ogni sera. Purtroppo quella maledetta sdoppiata accidentale sula PC 28 mi ha rovinato tutto, Sono comunque contentissimo dei tempi che ho fatto specialmente nella 2a parte di gara vista la difficolta’ dei passaggi e delle sdoppiate finalmente in linea con la realta’.
    Ora sotto con la preparazione per il Miramare, gara totalmente differente a quella trascorsa.

    "Mi piace"

  13. Mi congratulo con Cesare e con il Kursaal per l’organizzazione e la gestione dell’ evento, nonostante le critiche condivisibili; non scordiamo il palcoscenico di Montecatini, il saluto del Sindaco e la parata finale al Tettuccio.
    La competizione, sempre bella con il “solito” percorso, ha avuto quest’anno un approccio tecnico certamente innovativo, facendola crescere in qualità.
    La gara è stata piacevole, prima il sole, poi pioggia e grandine nella svizzera pesciatina; piazzali apparentemente semplici, passaggi stretti, tubi in salita hanno rovinato la gara un po’ a tutti gli equipaggi toscani.
    La riflessione a caldo vedendo Biasci-Galletti al 10 posto è stata: non occorre dar nulla per scontato e nonostante che sulla carta si trattasse prevalentemente di piazzali, siamo riusciti a fare del nostro peggio.
    La considerazione che faccio (parlo un po’ per tutti…. non offendetevi) è che nonostante anni di gare e campionati non siamo in grado di avere una qualità di rendimento costante rispetto ai transappenninici. Lo dimostra il podio e avere alcuni centesimi di media dai primi certo non ci fa onore; indubbie le loro capacità, ma permettetemi l’autocritica per l’incapacità di avere un rendimento costante.
    Forse ci è mancato Roberto Ricci (impegnato altrove) che sarebbe stato sul podio, ma come mi ha insegnato lui con il suo agonismo esasperato dobbiamo cercare di crescere con l’impegno se vogliamo ambire ai risultati.
    Alla sfortuna ci credo relativamente, direi che si tratta di inesperienza spesso; credo che manca un po’ d’allenamento, ed organizzare qualche sessione di prova in più certo non guasterebbe per migliorarci.
    Permettetemi infine di ringraziare pubblicamente Roberto Volpi che ha ospitato nell’abitacolo del Fulvia come navigatore mio figlio Lorenzo alle sue prime esperienze significative; stare a fianco di un grande è certo un ottima scuola.

    "Mi piace"

  14. Le gare organizzate dal kursaal car club, e dal suo presidente Cesare Natali, sono sempre state una giusta miscela tra agonismo e turismo, e si sono sempre migliorate.
    Questa 13 edizione ha fatto senza dubbio qualche passo avanti, con prove miste tra strada e piazzali, ancora da mettere a posto j tempi dei piazzali, che anche rispettando. Il codice della strada vedeva arrivare gli equipaggi 15/16 minuti prima del passaggio..
    Che noia due giri uguali possibile
    Che non si possa cambiare almeno il giro bucolico????
    In fine la nota dolente, ma come il fiore all’occhiello delle gare kursaal era il pranzo, che cosa e successo, ??? Be ilCrono ha fatto di tutto per far venire degli ospiti dalle altre regioni, ma non si può invitarli ad un pranzo del genere, se era una questione economica 5 euro in più a testa gli avrebbero dati tutti, oltre al mangiare freddo, non ho mai visto, se non alla mensa scolastica, qualcosa servito con una arroganza e fastidio da parte degli operatori, posti a sedere per tutti? Ma neanche per sogno, io ho trovato posto perche qualcuno si ingozzava per finire….
    Basta non voglio dire piu nulla ma di certo dopo aver mangiato su un muretto a Livorno anni fa’ non credevo si potesse far peggio……..

    "Mi piace"

  15. Finalmente in Toscana si fanno gare come intendo io…….prima quella di Marco ora quella di cesare. Bravi! Queste sono le gare tecniche che a me piacciono e piacciono anche ai non toscani ….. Cercheremo nel nostro peregrinare x l Italia di far raggiungere la Toscana anche da coloro che non hanno fatto mai tappa da noi assicurando la bontà delle gare nostrane pubblicizzando eventi che adesso sono molto vicini a quelli organizzati fuori dalla nostra regione……manca solo un po’ di sprint nelle tempistiche di attesa ai tubi. Ma siamo li anche con i cronometraggi ….. Un consiglio. 15 / 20€ in più per i pranzi che io definirei essenziali. Non e’ un rimprovero ma solo un suggerimento. Bravi e grazie per la gara che avete così bene organizzato.

    "Mi piace"

  16. Ieri mi sono divertito a fare un pezzetto di percorso insieme alle auto in gara.
    Il giro sulle colline era interessante: divertenti le strade e suggestive le località attraversate.
    Anche le prove che ho visto non mi sembravano banali: in particolare mi sono sembrati abbastanza impegnativi i tubi al Mercato dei Fiori ed i due tubi sul salitone dietro la stazione di Borgo a Buggiano.
    Congratulazione quindi al vincitore ed alle signore arrivate seconde assolute, sempre più in forma (alla fine del primo giro avevano una media da paura).
    Bravi anche Valter e Stefano che finalmente riescono a raddrizzare una gara partita così così ma che hanno risolto sul finale fregando il buon Marco Donati che ce ne mette sempre una delle sue.
    Infine bravi ai membri del Crono Prato che nel complessivo si sono fatti onore, ancora una volta con i piazzamenti di Gualtieri-Morosi e Pierattini Tabarin sempre più in forma.
    Meglio di così proprio non si poteva con : Alessio con la febbre, Andrea Biondi con guai meccanici.
    Un “brave” anche alla quota rosa del Crono, ma contro quelle due ieri non ce n’era per nessuno 😉
    Spero alla prox di darvi manforte, magari al Colline di Romagna 😛

    "Mi piace"

  17. Essendo andato via dal Montecatini appena finita la gara, apprendo in questo momento che la Modena Historica ha fatto l’amplein con Gibertini, Fanti e Perri nelle prime 3 posizioni. Io sono 5° ma con un 91 pesante come una montagna sul groppone. Senza quel 91 , preso sulla penultima PC a causa di una doppia premuta del pulsante che mi ha fatto saltare la PC 28 sarei arrivato quasi sicuramente primo , visto che Gibertini ha fatto 5,4 ed io 7,8 con 226 penalita’ ( in 28 PC ho fatto 135 penalita’ e media 4,8 ). Vabbe’ e’ andata meglio di quanto potessi sperare visto che sono riuscito a recuperare l’errore regolandomi sul passaggio di Bini che mi era davanti e contando i secondi che mancavano al mio passaggio. Per quanto riguarda la gara, era prevedibile il traffico incontrato lungo il percorso che pero’ non ha causato grossi intralci, fortunatamente anche i ciclisti non hanno dato fastidio. Molto belle le stradine sopra Montecatini e Pescia, un po’ meno la selva di rotonde e semafori presenti nella pianura. Grazie comunque a tutto lo staff organizzativo per la bella manifestazione ed in particolare a Cesare Natali e Francesco Ricci

    "Mi piace"

  18. Vedo adesso l’elenco partenti. Otto equipaggi del Crono Prato. Peccato per gli assenti (grrrrrr). Mi dispiace molto di non essere nel gruppo. Farò il tifo da casa. In bocca al lupo!

    "Mi piace"

  19. allora mettiamoci anche Giuseppe, Valter, Andrea P., Enio, Andrea B., Cosimo, Corrado, Alessandro, Matteo, Umberto, Mauro, Paolo, Marco, Roberto, David, e tutti gli altri cosi’ si fa la gufata generale ahahahahaha

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...