Coppa dei Lupi

MAURIZIO AIOLFI VINCE LA COPPA DEI LUPI 2014

Maurizio Aiolfi ha conquistato la terza edizione della Coppa dei Lupi, gara di regolarità autostoriche, valida per il campionato italiano CSAI, organizzata dalla Scuderia de Tempo Perso di Sora. Il top driver di Piacenza dopo essersi aggiudicato le edizioni del 2012 e del 2013 meritatamente si è piazzato al primo posto della classifica assoluta anche nell’edizione 2014, rispettando i pronostici e confermando il proverbio “ non c’è due senza tre” , nonostante la presenza dei migliori piloti della categoria richiamati dal fascino della gara e dalla validità della stessa nel campionato italiano CSAI . Maurizio Aiolfi ha utilizzato la stessa vettura dell’edizione precedente, una Autobianchi A 112 Abarth del 1980 , navigato da Giacinto Mozzi, altro top driver vincitore della Mille Miglia 2012. Al secondo posto Pier Luigi Fortin e Laura Pilè su Fiat 600 del 1957. Terza piazza per Roberto Ricci e Valeria Gallotta su Autobianchi A112 Abarth. Cinquantasei gli iscritti alla competizione di cui quarantotto i partenti da Sora e trentotto gli equipaggi giunti al traguardo di Celano, dopo un articolato e impegnativo percorso di 346 chilometri in gran parte lungo le strade del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

PASSAGGI

CLASSIFICHE RAGGRUPPAMENTI

CLASSIFICHE GENERALI

La prima coppa dei Lupi,gara entusiasmante,dura viste le ore di guida i chilometri, la notte i dislivelli ……….partito alle 15.22 e arrivo alle 01.22,nel mezzo una sosta sul Passo Godi per la cena 50 minuti,i km 370,la maggior parte dei quali fatti di notte,passando continuamente dai 800mt a 1300 mt a 1600 mt,poi discendendo in pianura per essere poi sparati nuovamente in quota. Il nostro 12 si e comportato da meraviglia e su strade di montagna come queste mi ha fatto veramente piacere guidarla. Il Crono si e comportato veramente bene, ci siamo presentati con 3 equipaggi, Gualtieri Morosi 8 assoluto,Bini Russo 15 assoluto ,Cadoni Moretti 18 assoluto, con medie di tutto rispetto considerando la difficoltà della gara e le fotocellule. Infine abbiamo portato a casa oltre hai premi assoluti un secondo posto nel settimo raggruppamento,un primo posto driver B,e ciliegina sulla torta 2 posto di scuderia a poche penalità dalla blasonata scuderia vincitrice,mi sembra un bottino di tutto rispetto in una gara di Campionato Italiano CSAI.

COMUNICATO STAMPA FINALE – COPPA DEI LUPI 2014 –

SORA, 24 FEBBRAIO 2014 – Contrariamente allo scorso anno quando iniziammo il comunicato finale della gara “Coppa dei lupi in una notte da lupi…vecchie e nuove definizioni della gara di regolarità per auto storiche si ritrovano insieme nell’edizione 2013, accomunate da condizioni meteo inclementi …” l’edizione 2014 verrà ricordata per essere diventata meritatamente una gara titolata nell’ambito del Campionato Italiano Regolarità Autostoriche CSAI e per la mancanza di neve lungo i 346 chilometri del tracciato di gara. Neve assente sulla sede stradale anche nei tanti valichi superati nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ( Forca d’Acero – Passo Godi – Passo della Forcella – Passo del Diavolo ) ma ben visibile sui lati delle strade con un accenno di nevicata sul primo passo di attraversamento Lazio – Abruzzo, come ben visibili sono stati gli avvistamenti di cervi, cinghiali, volpi e anche di un lupo in zona Secinaro.
Alle 14.30 l’equipaggio n. 1 ha preso il via dalla centrale Piazza Santa Restituta di Sora e a seguire le altre 47 vetture verificate delle 58 iscritte. Defezioni dovute ad un piccolo incidente occorso ad un’autovettura in arrivo a Sora, da qualche influenzato e da qualche condannato da norme regolamentari .
La gara poteva contare sulla partecipazione di ben nove Top Driver dei dieci iscritti.
Veramente una giornata dal tempo variabile aspettava i concorrenti della terza edizione della Coppa dei Lupi. Dopo il transito nei centri di Campoli Appennino, Alvito, e San Donato Val di Comino le vetture si immettevano sulla SR 666 verso l’ingresso lato laziale del PNALM e ad attenderli un’improvvisa seppur lieve nevicata che metteva in difficoltà alcuni equipaggi in gara.
Troppo presto si verificava l’abbandono della coppia Giansante – Toro che nelle due precedenti edizioni aveva conquistato il secondo posto nella classifica assoluta a bordo di una Triumph TR3 Rally. Nell’edizione 2014 i formidabili pescaresi si sono presentati al via con una Innocenti Mini Cooper del 1975 e dopo l’out l’avv. Giansante dichiarava “ Si è rotto il supporto del motore prima della pc 7, abbiamo proseguito andando senza strappi, poi scendendo da Forca d’Acero il motore ha iniziato a girare a tre e poi a 2 cilindri. A Pescasseroli abbiamo sostituito tutte le candele ma niente da fare, siamo tornati a passo d’uomo ad Avezzano e nella serata stessa siamo rientrati in città. Peccato eravamo quarti a 2 centesimi dal terzo ed a 9 dal secondo. Eravamo in gioco! E dire che l’auto era stata controllata e ricontrollata continuativamente fino al giorno prima! “
Al piazzale degli impianti di risalita della stazione sciistica di Pescasseroli transitavano in quarantaquattro.
La carovana proseguiva macinando chilometri e dure salite sentite da molte “vecchie signore “, Bisegna, Ortona dei Marsi, Goriano, Prezza, Raiano, ancora Goriano e poi via attraversando Cocullo, il paese dei serpari di S. Domenico, Anversa degli Abruzzi, nota per le tragedie dannunziane e su per le Gole del Sagittario, passando per stretti tunnel scavati nella roccia viva e Villalago, Scanno fino al C.O. di Passo Godi per una meritata sosta nel caldo ed accogliente Rifugio dello Scoiattolo per degustare una cena tipica. In questo tratto la carovana perdeva la coppia Fernando e Stefano Cavarretta che saltando su di un dosso rompevano il radiatore della Alfa Romeo Giulia Spider del 1964.
Eravamo solo a metà percorso e si ripartiva con il monito dei commissari di percorso di prestare la massima attenzione per possibili attraversamenti di selvatici. Si transitava per Villetta Barrea, Civitella Alfedena ( il centro dei lupi e delle linci ) Opi, Pescasseroli, Passo del Diavolo, Valico di Gioia Vecchia, Gioia dei Marsi fino a Pescina per il C.O. 5. Quindi Collarmele, il passo di Forca Caruso, Castel di Ieri, Castelvecchio Subequo, Secinaro, il passo della Forcella, Rovere, Ovindoli e l’agognato traguardo di Celano ove alle 00.45 iniziavano ad arrivare i trentotto equipaggi dopo aver percorso 346 chilometri ed affrontato trentacinque prove cronometrate e dopo aver attraversato luoghi di grande bellezza, antiche tradizioni e storia millenaria nei quali si potrebbe trascorrere tanto tempo per meglio conoscerli ed apprezzarli ma che in gara erano diventati solo dei riferimenti per gli equipaggi concentrati sul radar e cronometro.
Per pochi chilometri non riusciva a raggiungere il traguardo la vettura partita con il numero uno, una bellissima Fiat 1500 sei cilindri aerodinamica del 1937 con a bordo l’equipaggio Loperfido Fabio e Taddei Gianfranco, per la rottura del differenziale , unica vettura anteguerra del 1° raggruppamento.
Prima di raggiungere l’Hotel dei Marsi di Avezzano , sede della direzione di gara, per attendere l’esposizione delle classifiche, la scuderia del Tempo Perso aveva ben pensato di organizzare un momento di socializzazione per rilassarsi e brindare alla conclusione della gara nella prestigiosa Taverna Aulalia.
Nella mattinata di domenica 23 febbraio nelle sale convegno dell’Hotel dei Marsi la cerimonia di premiazione dove è intervenuto anche l’assessore Walter Tersigni per portare il saluto della Città di Sora e complimentarsi con gli organizzatori per la riuscita della gara.
Al termine della premiazione il vincitore della Coppa dei Lupi 2014, Maurizio Aiolfi da Piacenza esprimeva grande soddisfazione per i risultati della sua terza partecipazione alla Coppa dei Lupi e per la terza vittoria consecutiva dichiarando:“ Sicuramente ero favorito per avere più esperienza in questa gara che devo riconoscere ogni anno si arricchisce di nuovi e piacevoli fattori. Anche in questa occasione ho raggiunto la vittoria grazie al piacere ed alla gratificazione che ricevi nel gareggiare in queste competizioni in cui trovo sempre stimoli e motivazioni per raggiungere importanti risultati. Nella gara 2014 due nuovi fattori rispetto al passato, la totale assenza di neve e la numerosa presenza di top driver richiamati dalla gara titolata e ben organizzata da uno staff che opera con passione e competenza e che cerca sempre miglioramenti. Lo scorso anno, elogiando l’operato della Scuderia del Tempo Perso, ho invitato molti equipaggi della zona di Piacenza a seguirmi nella Coppa dei Lupi ed ho avuto la soddisfazione che tutti unanimemente hanno riconosciuto la bellezza ed il valore della gara, tant’è che ogni anno aumenta il numero dei partecipanti. Ringrazio Giordano Mozzi per avermi accompagnato in questa competizione nel ruolo di navigatore, lui che è un grande pilota e ricordo è stato vincitore tra l’altro della Mille Miglia 2012 e del Rally Montecarlo Storico. “

La classifica assoluta della Coppa dei Lupi 2014 ha visto salire sul gradino più alto del podio l’equipaggio AIOLFI Maurizio – MOZZI Giordano con AUTOBIANCHI A 112 ABARTH, al secondo posto FORTIN Pier Luigi – PILE’ Laura con FIAT 600 e alla terza piazza RICCI Roberto – GALLOTTA Valeria con AUTOBIANCHI A 112 ABARTH.
L’equipaggio Enrico Scotto – Corradi Nicolò, vincitore della prova cronometrata denominata Bonaventura 1
di San Donato Val di Comino, è stato premiato con un trofeo in memoria del socio della Scuderia del Tempo
Perso Persichetti Bonaventura, scomparso improvvisamente nel 2013, a consegnarlo il figlio primogenito.
Pier Mattia.
Per quanto concerne il Challenge delle Nevi, nel sorteggio Maurizio Aiolfi si aggiudicato la partecipazione gratuita all’edizione 2015 della Coppa dei Lupi e Strata – Di Genova si sono aggiudicati la gratuità all’edizione 2015 alla Coppa Mario Dalla Favera.
Giornata molto fortunata per Maurizio Aiolfi che è stato sorteggiato anche per l’assegnazione di un cronometro Spark Zero messo in palio dall’azienda.
Tutti i partecipanti hanno espresso commenti entusiastici sulla gara con grande soddisfazione per gli Organizzatori, complimenti che la Scuderia del Tempo Perso ha inteso condividere con tutti coloro che si sono adoperati per la buona riuscita della manifestazione, con le Amministrazioni comunali di Sora e Campoli Appennino che hanno patrocinatore l’evento e con tutti gli sponsor.

Vincenzo Viola – addetto stampa Coppa dei Lupi 2014

CLASSIFICA ASSOLUTA
1 AIOLFI M.-MOZZI G. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
2 FORTIN P.L-PILE’ L FIAT 600
3 RICCI R.-GALLOTTA V. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
4 MACCARIO E.-BOLOGNESE D. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
5 RENNA F.-CASAMASSIMA E. INNOCENTI MINI 1000
6 RIMONDI V.-FAVA L. AUSTIN SPRITE MK1
7 SCOTTO E.-CORRADI R. A. R. GIULIA SPRINT GT VEL. 1600
8 GUALTIERI G.-MOROSI A. INNOCENTI MINI 1000
9 MARCELLI M.-MARCELLI G. INNOCENTI MINI COOPER 998
10 MACCARIO G.-BAVARO A. AUTOBIANCHI A 112

CLASSIFICA TOP CAR
1 FORTIN P.L.-PILE’ L FIAT 600
2 AIOLFI M.-MOZZI G. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
3 RICCI R.-GALLOTTA V. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
4 RIMONDI V.-FAVA L. AUSTIN SPRITE MK1
5 MACCARIO E.-BOLOGNESE D. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH
6 RENNA F.-CASAMASSIMA E. INNOCENTI MINI 1000
7 LUI L.-VICCHI E. FIAT 1100 103
8 SCOTTO E.-CORRADI R. A. R. GIULIA SPRINT GT VEL.
9 MARCELLI M.-MARCELLI G. INNOCENTI MINI COOPER 998
10 GUALTIERI G.-MOROSI A. INNOCENTI MINI 1000

CLASSIFICA SCUDERIE
Classic Team Eberhard

Crono Ruote Classiche

CLASSIFICA FEMMINILE
GRIMALDI Francesca – BATTISTA Francesco LANCIA FULVIA COUPE’ 1300

CLASSIFICA 2 RAGGRUPPAMENTO
FORTIN P.L-PILE’ L FIAT 600

CLASSIFICA 3 RAGGRUPPAMENTO
RIMONDI V.-FAVA L. AUSTIN SPRITE MK1

CLASSIFICA 4 RAGGRUPPAMENTO
STRATA L.-SIMONINI P. AUSTIN MINI COOPER S

CLASSIFICA 5 RAGGRUPPAMENTO
SCOTTO E.-CORRADI R. A. R. GIULIA SPRINT GT VEL. 1600

CLASSIFICA 6 RAGGRUPPAMENTO
RICCI R.-GALLOTTA V. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH

CLASSIFICA 7 RAGGRUPPAMENTO
AIOLFI M.-MOZZI G. AUTOBIANCHI A 112 ABARTH

AIOLFI

Cadoni – Moretti

RICCI – GALLOTTA

FORTIN – PILE’

BINI – RUSSO

 

Crono 2° di scuderia

Classic Team 1° di scuderia

7 pensieri su “Coppa dei Lupi

  1. La gara è stata bellissima!
    Organizzata nei dettagli, da persone appassionate che avevano a cuore il divertimento dei loro partecipanti, considerati più come ospiti che come concorrenti, come è di usanza al sud.
    370 km, gran parte di notte, strade bellissime, panorami incantati, paesi come presepi, prove incalzanti e ritmi giusti…..tanto tanto divertimento.
    Un solo piazzale, e pure un po’ stronzetto (ad esser pignoli non adattissimo alle anteguerra) e per il resto tanta strada da guidare.
    Ci fosse stata la neve sarebbe stata un altra bellissima avventura come alla Favera.
    Compagnia di viaggio eccellente e casinista ed è stato un divertimento unico anche partecipare come “toscani”, tutti insieme.
    Alla prossima!

    "Mi piace"

  2. GLI ULTIMI 5 MINUTI
    Fotocellula! Go! Apertura. 6 minuti 4 km. media 39km/h
    Buio pesto sui tornanti del passo Godi. spingi sull’acceleratore per mantenere una media di 60 cercando di arrivare con un po di anticipo.
    La voce del navigatore : 2 km. al tubo 3 minuti, tutto ok.
    mentre sei sui tornanti ti viene in mente che il commissario al CO ti ha detto ” attenzione agli animali selvatici, cavalli,cinghiali cervi” ” Come , cavalli selvatici?”
    Allora rallenti un po’ mentre la voce del naviga ” 1 km. al tubo 2 minuti ”
    Ancora tornanti , poi vedi in lontananza la postazione, rallenti , ti avvicini, fermi.
    Manca 1 minuto, ti prepari, accendi tutti i fari a disposizione, sento Bip , 30 secondi, ti concentri. 10 secondi via , parti in avvicinamento. Fotocellula. GO!!
    Mandi un accidente per allentare la tensione e riparti per il prossimo passaggio.
    Così di notte fonda fino alle 1,30
    Ecco questo è il sunto della Coppa dei lupi.
    Gara impegnativa e molto stancante . Man mano che passa il tempo i passaggi diventano meno precisi.
    Organizzazione ottima senza sbavature. Soddisfatto per il nostro 14 posto in assoluta e per i piazzamenti dei miei compagni di gara. Specialmente per il risultato di scuderia
    Mauro

    "Mi piace"

  3. Non ho partecipato a questa gara, ma voglio complimentarmi con i miei amici e compagni ‘cronici’ per il risultato ottenuto.
    Sono contenta per il terzo posto assoluto di Roberto, che finalmente, dopo tante sfortune riesce ad ottenere questo risultato a non molti centesimi di differenza dal primo posto. Felicissima e soddisfatta degli equipaggi del Crono, Gualtieri-Morosi, Bini-Russo, Cadoni-Moretti, che ottengono diversi premi in una gara di Campionato Italiano…. siete i migliori da sempre!!!!
    Questa gara, la Favera e lo snow trophy sono gare impegnative e molto belle. Ho avuto modo di leggere i racconti e ascoltare i commenti per ognuna di queste gare e mi dispiace assolutamente non aver partecipato, in quanto credo che siano esperienze indimenticabili e da provare almeno una volta nella vita, per chi vive e pratica la regolarità a certi livelli. Sono gare da cui si può imparare molto e utili per migliorarsi a cui vorrei davvero poter partecipare.
    Ancora complimenti a tutti….e finalmente iniziano le gare anche per me!!
    Buon lavoro a tutti e…….. forza croniciiiii!!!! la partenza è quella giusta!!!

    "Mi piace"

  4. Amici miei, non ho scritto niente della coppa dalla favera solo perché l ‘emozione di una gara dal sapore di altri tempi non mi ha ancora consentito di rielaborare in maniera limpida il ricordo ma posso dirvi che la coppa dei lupi e’ stata un gran bella gara e se avesse avuto la neve credo che non sarebbe stata da meno….. Vi racconto un po’ di questo weekend in cui gli equipaggi del crono hanno ottenuto dei risultati veramente buoni ed ancora di più la compagine toscana che ha visto un Roberto ricci superlativo finalmente lasciato dalla iella che ottiene un terzo posto assoluto a ridosso dei primi due equipaggi quindi ben quattro equipaggi nei primi venti. Nota dolente pini abbattuto prima di iniziare la gara da un automobilista locale e biasci incappato in un intoppo di navigazione che gli ha impedito di classificarsi , pensate anche lui attorno al decimo posto! La gara per me e Giovanni e’ iniziata nel peggiore dei modi: passaggi nel primo piazzale non proprio azzeccati, errore di navigazione con tempo da recuperare entro le fine del primo co di circa quattordici minuti, cazzata madornale alla pc 7 Macchina che ci ostacola ad inizio pc adrenalina a mille e salto di restore risultato cha a meta’ prova ce ne rendiamo conto sottrazione al volo dei tempi. Differenza stabilita non siamo freddi e sbagliamo il passaggio 300 …… Da ora comincia la gara quasi senza intoppi……all inseguimento del co tra pioggia forte, nevischio e neve in terra saltiamo a pie’ pari sei macchine passando decisamente meglio alle pc ed arrivando al co con tre minuti di anticipo. Memori degli intoppi che ci sono costati alla favera un 300 ad un co ed il nono posto assoluto corriamo veramente forte ho visto sul contachilometri della mini segnare 11…. Non male per la vecchietta! La nostra corsa sulle pc subisce una flessione nell ultimo terzo di gara per colpa mia, le mi sdoppiate non sono più così buone ma i co tutto ok, circa quindici minuti in anticipo correndo. Bellissima gara serrata senza respiro, mai distrarsi qua si paga il massimo con il minimo errore….. Esorto tutti quelli che nn hanno fatto certe gare a farle capirete cosa vuol dire tubi in strada passaggi tecnici distanze in pc che vanno dai 50 mt a 14 kmLa notte il giorno la neve il sereno 10 h di gara insomma. Queste sono gare! Finito tutto i toscani rimasti sono rientrati a casa con l allegria comunque dei soliti compagnoni il cui desiderio e’gareggiare divertirsi e farsi delle belle risate in gruppo. Grazie a tutti voi amici miei

    "Mi piace"

  5. La prima coppa dei Lupi,gara entusiasmante,dura viste le ore di guida i kilometri,la notte i disvilivelli ……….partito alle 15.22 e arrivo alle 01.22,nel mezzo una sosta sul Passo Godi per la cena 50 minuti,i km 370,la maggior parte dei quali fatti di notte,passando continuamente dai 800mt a 1300mt a1600mt,poi discendendo in pianura per essere poi sparati nuovamente in quota.
    Il nostro 12 si e comportato da meraviglia e su strade di montagna come queste mi ha fatto veramente piacere guidarla.
    Il Crono si e comportato veramente bene, ci siamo presentati con 3 equipaggi,Gualtieri Morosi 8 assoluto,Bini Russo 15 assoluto,Cadoni Moretti 18assoluto,con medie di tutto rispetto considerando la difficoltà della gara e le fotocellule.
    Infine abbiamo portato a casa oltre hai premi assoluti un secondo posto nel settimo raggruppamento,un primo posto driver B,e ciliegina sulla torta 2 posto di scuderia a poche penalità dalla blasonata scuderia vincitrice,mi sembra un bottino di tutto rispetto in una gara di Campionato Italiano CSAI.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...